Creditonline,  Come Funziona? - Opinioni

Creditonline, Come Funziona? - Opinioni


Sei un impiegato che ha bisogno di un finanziamento? Creditonline ha la soluzione

Dipendenti privati: ecco i finanziamenti disponibili

I dipendenti privati con contratto a tempo indeterminato hanno l’opportunità di avere accesso a disparate soluzioni di finanziamento, Una delle opzioni più attraenti è la cessione del quinto, che consente di conseguire un finanziamento per mezzo di un pagamento delle rate in trattenuta sullo stipendio, con versamento effettuato dal datore di lavoro. Tale prelievo non deve passare oltre un quinto dello stipendio e ha durata prestabilita, dai 24 ai 120 mesi.

Dipendenti privati e cessione del quinto

La cessione del quinto rientra tra le tipologie di prestito personale ed è regolata dalla norma dell'articolo 1260 del Codice Civile, dal DPR numero 180 del 5 gennaio 1950 e dal regolamento attuativo DPR numero 895 del 28 luglio 1950. In seguito, le leggi 311/2005 e 80/2005 hanno inserito la disciplina in materia, accrescendo il diritto alla cessione del quinto anche ai dipendenti delle aziende private.

I vantaggi della cessione del quinto per dipendenti privati

La cessione del quinto è una formula accessibile a tutti i dipendenti con un rapporto di lavoro regolare. Il finanziamento si consegue con firma singola, senza necessità di garanti. Viene solitamente concesso anche se sono presenti altri finanziamenti in corso, oppure se in precedenza si sono verificati disguidi finanziari. La cessione del quinto ha i seguenti privilegi:

elementarità dell’iter burocratico: non è indispensabile giustificare la richiesta di finanziamento e il rimborso viene realizzato senza intermediari in bp da parte del datore di lavoro;

certezza: il prestito ha rate fisse per tutta la durata e predeterminate al momento della sottoscrizione; per di più il prestito è sostenuto da copertura assicurativa, già contenuta nelle rate mensili.

Finanziamenti per dipendenti privati: i requisiti necessari

Come per tutti gli altri prestiti, anche nel caso della cessione del quinto è fondamentale rispettare alcune caratteristiche indispensabili:

  • Età minima 18 anni

  • Residenza in Italia

  • Assunzione a tempo indeterminato

  • Quali sono i documenti necessari

  • Un documento d'identità valevole

  • Il codice fiscale

  • L'ultima busta paga

  • La Certificazione Unica (ex CUD)

  • Il certificato di Stipendio o Attestato di Servizio

Le garanzie richieste

La cessione del quinto non esige di particolari garanzie, al netto dello stipendio. Si tratta pertanto di un finanziamento molto importante anche per chi non ha alle spalle una storia creditizia ineccepibile. Di solito gli importi richiesti vengono erogati attraverso bonifico bancario su di un conto corrente intestato al cliente stesso oppure per mezzo di assegni circolari non trasferibili intestati al cliente.

Il contratto prevede forzatamente le garanzie assicurative Vita e Impiego. La copertura assicurativa in caso di premorienza consente di saldare totalmente il debito residuo alla banca, senza risarcimento verso i familiari. Se all'opposto s’interrompe il rapporto di lavoro senza un ricollocamento in altra azienda, la Compagnia di assicurazione salda la banca, tenendo saldo il diritto di rivalsa sul cliente, che rimane in qualsiasi modo il debitore principale. Ad ogni azienda viene assegnato un coefficiente assicurativo (detto anche rapporto TFR/montante): esso definisce l'assumibilità della pratica e il montante massimo richiedibile.

Contratto di cessione del quinto per privati

I dipendenti privati, come gli altri dipendenti, possono accedere alla cessione del quinto rivolgendosi a banche e finanziarie che erogano questo servizio, Tutti i contratti includono una serie di informazioni, volte a garantire la trasparenza dei prestiti e permettere al consumatore di essere tutelato nella scelta. Tra queste troviamo:

  1. il tasso di interesse praticato;

  2. ogni altro prezzo e condizione applicati, inclusi i maggiori oneri in caso di mora;

  3. l'ammontare e le modalità del finanziamento;

  4. il numero, gli importi e la scadenza delle singole rate;

  5. il tasso annuo effettivo globale (TAEG);

  6. Estinzione anticipata: come procedere nel caso di finanziamento a privati

La normativa in materia presume che il prestito si possa estinguere in anticipo, semmai con l’applicazione di una penale che, nondimeno, non può superare l’1%. E’ utile sapere che, se un contratto viene chiuso prima della scadenza, si perdono le spese di istruttoria e bollo.

Le condizioni del finanziamento per lavoratori privati

Le banche e le finanziarie indicano apposite soluzioni per i dipendenti privati, con caratteristiche specifiche per ciascun prodotto. Come sempre, è consigliabile fare un’accurata valutazione delle condizioni contrattuali, confrontando le proposte e scegliendo quella più adatta alle proprie esigenze.


Invia la tua recensione
Questo articolo è stato aggiornato il 9 dicembre 2022